Scelti per voi

Visualizzazione post con etichetta censura. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta censura. Mostra tutti i post

venerdì 28 aprile 2017

Il grande potenziale della vitamina C secondo il Dr. Robert Frederick Klenner

 Il grande potenziale della vitamina C secondo il Dr. Robert Frederick Klenner




Tra il 1945 e il 1949 gli Stati Uniti hanno subito un'epidemia di polio, una malattia infettiva è attribuita a un virus che attacca il midollo spinale e provoca atrofia e paralisi muscolare senza che i medici sapessero cosa fare.

Beh, il dottor Robert Frederick Klenner, che era riuscito già a curare molti pazienti di polmonite virale iniettandogli in vena grandi dosi di vitamina C, decise di dare a 60 malati di poliomielite precoce più di 2 grammi giornalieri di vitamina C per 14 giorni, e nessuno di essi soffrì paralisi.

Entusiasmato lo fece conoscere in una delle riunioni annuali dell' Associazione Medica Americana ma il suo lavoro fu ignorato.

Klenner riuscirebbe dopo a curare allo stesso modo sebbene con dosi molto maggiori casi di polmonite, meningite, encefalite, morbillo ed altre malattie, ed inoltre spiegò che ciò permette di prevenire le emorragie postparto, la sofferenza cardiaca fetale ed il dolore del parto. Il suo lavoro fu assurdamente rifiutato ed è ora di farlo nuovamente conoscere.

Fonte: https://medicbunker-la-verita.blogspot.it/2017/04/il-grande-potenziale-della-vitamina-c.html
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Dr. Peter H. Wise: "I chemioterapici sono poco efficaci"




I Chemioterapici aumentano appena di soli due o tre mesi la sopravvivenza delle persone con il cancro metastatico.
Questo è riconosciuto da Dr. Peter H. Wise dell'Imperial College di Londra Healthcare (Regno Unito) - in un articolo intitolato Farmaci contro il Cancro: la sopravvivenza e l'etica (Farmaci per il cancro: la sopravvivenza e l'etica)  pubblicato sul British Medical Journal.

Esiguo beneficio per un farmaco ingiustificatamente costoso e povero di risultati che può portare al fallimento i sistemi pubblici di salute.
Per questo noto endocrinologo è ora di ripensare nuovamente tanto al livello medico come economico ed etico il suo utilizzo e Finanziamento. 

Specialmente quando ci sono oggi altre forme di intendere ed affrontare il cancro anche nel proprio ambito dell'Oncologia.
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

giovedì 27 aprile 2017

A Pavia la macchina che cura i tumori al 90% MA NESSUNO NE PARLA. Ecco i contatti e il telefono




Il CNAO (Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica) è una struttura innovativa e tecnologicamente avanzata, voluta dal Ministero della Salute con Legge n° 388 del 23.12.2000, per il trattamento di tumori radio resistenti o non operabili, mediante l’uso di ioni carbonio e protoni. Nella sala sperimentale, nelle aree dedicate e nei laboratori si effettuano anche attività di ricerca clinica, radiobiologica e traslazionale.

Sincrotrone: l’invenzione che cura il tumore resistente ai raggi x
Nonostante la struttura che ospita il Sincrotrone sia stata finanziata, in parte, dallo Stato, nessuno conosce il centro CNAO che attraverso l’adroterapia ha una percentuale elevatissima di guarigione dei tumori.*La puntata di “Report” di pochi mesi fa ha trattato un argomento molto importante e poco conosciuto per quanto riguarda la cura dei tumori.
A Pavia un gruppo di fisici e ingegneri hanno messo a punto una macchina per la cura dei tumori che esiste solo in altri tre luoghi nel mondo: Giappone, Cina e Germania.
Si tratta del Sincrotrone e cura i tumori radio resistenti.

Nella visita a Pavia il Sottosegretario Dott.Vito De Filippo (ex Governatore della Regione Basilicata) esplora le stanze in cui questo enorme macchinario viene utilizzato e attraverso il quale le particelle vengono accelerate:
 si tratta di struttura in cui viene iniettato un gas ricco di idrogeno o carbonio che crea un fascio di protoni o di ioni carbonio che percorrono questa circonferenza un milione di volte in mezzo secondo. Ad ogni giro le particelle aumento l’energia. Il carbonio richiede grandi macchine per venire accelerato ma quando arriva a colpire la cellula tumorale è tre volte più efficace dei raggi x.

Roberto Orecchia, direttore scientifico fondazione CNAO, spiega: 
“Il carbonio è più pesante e lascia una traccia all’interno della cellula. Nel suo percorso ad elevata intensità lascia una traccia tale che tutto quello che incontra, anche in questo caso del DNA, lo rompe. Questo è un tipo di danno non riparabile dalla cellula“.
Per tanto anche un tumore radioresistente può essere eliminato con gli ioni carbonio. Tutto questo sistema è stato messo insieme dall’eccellenza italiana nella fisica.

Sandro Rossi, Direttore Generale CNAO, spiega: 
il funzionamento del sincrotrone: ” Questo anello che ha una circonferenza di circa 80 metri, quando le particelle entrano in quell’anello cominciano ad accelerare e incominciano ad arrivare a circa 60/70% della velocità della luce. Quindi i fisici, gli ingegneri, selezionano l’energia giusta per arrivare dove esattamente il medico dice che bisogna fermare il fascio per trattare quel tumore“.
Con questa tecnica che si chiama Adroterapia stanno curando anche i sarcomi. “I sarcomi sono universalmente conosciuti come essere tumori radio resistenti – dichiara Roberto Orecchi – La probabilità di controllo locale con la Radioterapia generalmente non supera il 50/60%”.
Con la tecnica dell’Adroterapia, invece i dati sono più incoraggianti e arrivano all’80/85% di successo sulla malattia, in pratica significa di fatto la guarigione del paziente. Stanno emergendo anche altre indicazioni come il tumore del pancreas, che normalmente si riesce a curare nel 20% dei casi. Con l’adroterapia sono state registrate percentuali di sopravvivenza a due anni libera da malattie del 45%. Di solito tumori resistenti ai raggi x sono quelli della base cranica, tumori delle ghiandole salivari, tumori del retto, melanoma dell’occhio, e la prospettiva è quello di applicarlo anche per i tumori che colpiscono i bambini.
Oltre 600 sono i pazienti curati nel centro CNAO costruito per 150 milioni di euro di cui 95 messi a disposizione dallo Stato in base alla legge istituita dalla fondazione Veronesi del 2000.Nonostante sia sconosciuto l’invenzione del Sincrotone è orgoglio tutto italiano realizzato con l’Istituto di fisica nucleare Politecnico di Milano e l’Università di Pavia. Al progetto hanno partecipato 600 ditte di cui 500 italiane.
Come funziona Il lettino motorizzato in cui si stende il paziente come se fosse una tac è dotato di un laser con un puntamento ad altissima precisione colpisce il tumore in tante fette, come dichiara il direttore della fondazione; tali fette si scindono in un millimetro ciascuno e fetta per fetta colpisce il tumore.
Il trattamento varia dai 2 ai 15 minuti ed è perfettamente indolore.
Si curano anche pazienti che non avrebbero alternative. Purtroppo questa struttura, anche se finanziata dallo Stato, non tutti la conoscono perché non figura tra i centri di cura nazionale per il tumore. Il trattamento completo costa 24mila euro e finora solo le regioni Lombardia ed Emilia Romagna rimborsano l’intero costo della cura.
Altre regioni in Italia richiedono prima un’autorizzazione visto che molte Asl ignorano ancora il trattamento dell’Adroterapia. Purtroppo per far si che il CNAO venga elencato tra i centri riconosciuti per la cura del tumore si dovrà aspettare l’aggiornamento della legge di stabilità con l’elenco di malattie che potranno essere curate con l’adroterapia e completamente rimborsabili. Un aggiornamento che dovrebbe avvenire nell’immediato futuro visto che le persone in Italia malate di sarcomi sono oltre 4500, tutti tumori resistenti alla tradizionale radioterapia.
Il CNAO è stato istituito per volontà del Ministero della Salute e la Fondazione CNAO, incaricata della sua realizzazione, costruzione e funzionamento, è stata insediata a Milano il 21 novembre 2001, sotto la guida del prof. Ugo Amaldi. Il Centro si trova a Pavia e la sua inaugurazione è avvenuta il 15 febbraio del 2010. Nell’ottobre 2011 sono iniziati i trattamenti su pazienti volontari e selezionati dal ministero della salute. Il CNAO si prefigge lo scopo di curare i pazienti affetti da tumori solidi mediante l’uso di fasci di protoni e ioni carbonio: si tratta di particelle denominate adroni, da cui il nome di adroterapia. Nello stesso tempo effettuerà ricerca scientifica per individuare strumenti sempre più efficaci nella lotta contro il cancro.
In altri termini, il CNAO opererà a due livelli: presterà assistenza medica diretta ai malati di cancro e farà ricerca clinica e radiobiologica. Il centro funzionerà con prestazioni di carattere ambulatoriale; non sono previsti servizi di assistenza in regime di ricovero ordinario. A livello tecnologico il CNAO si avvale di un sincrotrone di 25 m di diametro, in grado di accelerare sia protoni, sia ioni di carbonio. Protoni e ioni saranno prodotti in due sorgenti, pre-accelerati da un acceleratore lineare, seguito da una linea di iniezione per il trasferimento delle particelle nell’anello del sincrotrone dove verranno ulteriormente accelerate ed estratte ad energie sino a 250 MeV per i protoni e 480 MeV/u per gli ioni carbonio. Il CNAO ha tre sale di terapia, una delle quali dotata di un sistema di trattamento con fascio sia orizzontale che verticale. In funzione del tipo di particelle utilizzate (protoni o ioni carbonio) e della loro energia, potranno essere irradiati tumori a profondità variabili da 1 a 27 cm. 

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

martedì 24 gennaio 2017

Vaccini: L’Ordine dei medici processa il dott Dario Miedico,perchè è contro le criminose vaccinazioni

Il dott Dario Miedico,un medico legale che è contro le criminose e pericolosissime vaccinazioni viene processato dall'Ordine dei Medici di Milano,ma sarebbe meglio definirlo l'Ordine Medico Mafioso di Stato. Ovviamente a ogni notizia del genere c'è sempre il lecchino di turno che festeggia,il famigerato medico imbroglione Burioni,venduto alle case farmaceutiche da una vita! Ricordiamo che il dott Miedico è invece un onesto medico che fa una lotta giustissima per tutelare la salute umana dei bambini,cosa che invece non fanno certi medici o per meglio dire mercenari,che ahimè, si sono venduti anche l'anima al diavolo, nel vero senso della parola! Il dott Miedico da anni lotta nella prestigiosa e onorevole associazione Comilva, La morale è che la mafia medica di Stato vuole a tutti i costi mettere a tacere certe losche verità impedendo la parola ai pochi coraggiosi che si schierano contro questa mafia assassina,contro queste lobby di potere massonico satanista, e tutto questo (da non credere per le persone oneste) per del vile denaro. Questo mondo è veramente sporco, come il titolo del blog della notizia che vi posto in questo articolo,dove troviamo per l'appunto anche qualche articolo di questo medico onestissimo e bravissimo.
Link Vuoi sapere perche' non devi vaccinare tuo figlio ? Spero che vi facciate una ragione sul perché le vaccinazioni facciano male, facciano in certi casi anche morire e creare in alcuni più sensibili la sindrome dell'autismo,e cosa certissima, rendere il sistema immunitario debole,affinché l'essere umano abbia bisogno di certi farmaci a vita per non sopportare il dolore di certe malattie create e volute da una classe chimica e politica vigliacca e criminale, guidata da certi potenti pazzi venduti al denaro,come certi schifosi in Italia, che si sono venduti a una sponsorizzazione schifosa,più schifosa di loro stessi. Esseri immondi,pagherete,se non in questa vita, pagherete nell'altra per tutte le sofferenze inferte a vittime innocenti. Medic Bunker La Verità. 

giovedì 19 gennaio 2017

BENVENUTA DITTATURA. LA CARTA ITALIANA PER LA “PROMOZIONE” DELLE VACCINAZIONI NE È LA PROVA

La delirante proposta  firmata dallo stesso Ministro Beatrice Lorenzin da cui ci dissociamo come cittadini e contribuenti.
Chiediamo a gran voce che venga ascoltata TUTTA la comunità scientifica e a tal proposito, ribadiamo che da tempo il nostro operato è mirato ad informare tutti coloro che risiedono al governo,nel nostro parlamento; coloro che sono pagati da noi cittadini,noi contribuenti.
Rendere partecipi del suddetto materiale inconfutabile,inoltrandolo a chi dovrebbe conoscerlo, non è un reato.
REATO È CIÒ CHE GLI ORGANI GOVERNATIVI CERCANO DI METTERE IN ATTO IN MANIERA DITTATORIALE,SENZA IL NOSTRO CONSENSO.

Condividiamo questo documento denominato  “Carta italiana per la promozione delle vaccinazioni” ovvero, come eliminare ogni forma di contraddittorio in medicina e porre le basi per una dittatura sanitaria.
libertà finita
CONDIVIDIAMO E SUPPORTIAMO LE OSSERVAZIONI IN MERITO ALLA CENSURA E ALLA REALE DISINFORMAZIONE CHE DA ANNI VIENE PERPETRATA A DANNO DEI CITTADINI.
Dal sito del Dr. Tancredi Ascani riprendiamo quanto segue (cliccare su questo link per scaricare la carta)
“In un periodo in cui sempre più cittadini, medici e scienziati esprimono, con motivazioni logico-scientifiche ed esperienza clinica, le loro perplessità verso l’attuale calendario vaccinale (e verso un’obbligatorietà che gran parte dei Paesi europei ha ormai superato) e pretendono un costruttivo e imparziale confronto tra le parti, ecco invece la “chiamata all’azione” di TeamWaxItalia con la “La carta italiana per la promozione delle vaccinazioni”.
Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin pare avere già appoggiato in maniera entusiasta la Carta. Qualcuno tra noi medici o tra i cittadini è stato interpellato in merito? Nella Carta si parla di non dare lo stesso spazio mediatico a rappresentanti di differenti correnti di pensiero perché non esisterebbe una controversia nella comunità scientifica in merito alle vaccinazioni. Allora qualcuno mi dovrebbe spiegare come mai sento di continuo di colleghi specializzati nei più diversi campi della “medicina tradizionale” (pediatri, otorini, medici di base ecc.) che, in scienza e coscienza e dopo aver visitato i loro pazienti, sconsigliano una o più vaccinazioni, applicando quello che dovrebbe essere uno dei capisaldi della Medicina tutta ovvero, l’individualizzazione del trattamento sulla persona nel pieno rispetto della sua volontà.
Leggendo la Carta, dopo l’esposizione di un improbabile piano informativo colossale, che dovrebbe partire addirittura dai bambini (vedi sotto: punto 3.5) per estendersi a tutte le figure professionali (quanto costerà? Pagato da chi?), completamente mirato a convincere sulla assoluta bontà e necessità delle vaccinazioni e all’annullamento di ogni atteggiamento critico, si arriva al principio 4 che sembra un vero e proprio attentato alla libertà di cura prevista nella Costituzione e alla libertà decisionale del medico che, in scienza e coscienza, dovrebbe agire solo nell’interesse del paziente che si affida alle sue cure.
Il punto 4 può essere riassunto così: eliminare ogni forma di contradditorio e di par condicio e contrastare con ogni mezzo lecito (?) la diffusione di notizie che non siano totalmente favorevoli alle vaccinazioni, anche con minacce disanzioni disciplinari e contrattuali.
Il quadro che si delinea è inquietante.
La linea di pensiero sulle vaccinazioni deve essere una soltanto, è tutto perfetto così, non vi sono margini di miglioramento e chi non è d’accordo non solo non merita alcuno spazio, fosse anche un medico, ma deve essere disincentivato anche con minacce alla sua professione. Per quanto riguarda la direzione, in termini di salute, che si vuol dare ai propri figli, sembrerebbe che anche quella sarà demandata a personale appositamente addestrato (da TeamWaxItalia o chi ne fa le veci?), onde evitare che un genitore possa sbagliare a pensar con la propria testa o con quella del medico al quale ha liberamente scelto di affidarsi, nel caso quest’ultimo non segua alla lettera quanto indicato nella Carta.
“La carta italiana per la promozione delle vaccinazioni”
Principio 3 Informazione
3.5 Impegnarsi in attività di alfabetizzazione alla salute (“Health literacy”), nella divulgazione scolastica della conoscenza del metodo scientifico e nella formazione dei bambini/adolescenti sul tema del corretto reperimento delle informazioni in rete.
Principio 4 Contrasto alla Disinformazione

La diffusione di informazioni non corrette sulle vaccinazioni, sempre più presente in vari ambiti comunicativi, ha portato a gravi danni ai singoli e alle comunità. Tale disinformazione va contrastata.
4.1 Disincentivare il sostegno diretto o indiretto delle amministrazioni comunali ai gruppi di oppositori alla pratica vaccinale (ad esempio non concedendo patrocini gratuiti per l’organizzazione di incontri con la popolazione).
4.2 Impegnarsi a non creare e diffondere false informazioni o teorie pseudo scientifiche riguardanti i vaccini.
4.3 Favorire la ricognizione delle violazioni possibili del supporto alla pratica vaccinale da parte dei medici e del personale dipendente convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale.
4.4 Adottare/favorire l’adozione di sanzioni disciplinari o contrattuali qualora ne venga ravvisata la possibilità/ necessità.
4.5 Impegnarsi a sostenere e diffondere la corretta informazione a favore della scienza, contrastando l’errore dell’errata par condicio in materia vaccinale (vedi sotto).
4.6 Impegnarsi nelle attività di contrasto ai falsi miti che riguardano i vaccini ( Debunking – vedi sotto).
A proposito di DEBUNKING
Il Debunker (in italiano “demistificatore”) è colui che, attraverso ricerche, scritti o conferenze, mette in dubbio o smentisce affermazioni false, esagerate, antiscientifiche.
Ecco la foto che rappresenta l’assurdità di ciò che accade (fonte postata precedentemente a inizio articolo).
Immagine
“Se non mettiamo la Libertà delle Cure mediche nella Costituzione, verrà il tempo in cui la medicina si organizzerà, piano piano e senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l’arte della medicina solo ad una classe di persone, e la negazione di uguali privilegi alle altre “arti”, rappresenterà la Bastiglia della scienza medica”.
Benjamin Rush, firmatario della Dichiarazione d’Indipendenza USA, 17 Sett 1787
Costituzione della Repubblica Italiana, 1947/32
Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario, se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.
Ringraziamo il Dr. Tancredi Ascani per le sue precise osservazioni e ringraziamo tutti quei medici che onorano il proprio camice e che si prendono realmente cura dei pazienti.
Ricordiamo infine che i debunkers non avranno vita facile. Ogni giorno lo Staff di Vacciniinforma subisce privatamente da certi studentelli ineducati insulti,diffamazioni e minacce.
Persino dagli stessi siti “mantenuti” da quegli organi che dovrebbero essere “super partes”.
Un esempio?
Ecco delle foto relative alla reale diffamazione.
diffamazioni vacciniinforma
SCREEN-BUFALE
Denunciamo tutto questo.
Non siamo disinformatori e nemmeno negazionisti.
I reali NEGAZIONISTI sono coloro che non sanno confrontarsi con tesi scientifiche.
Consigliamo a queste persone di spendere il loro tempo in maniera costruttiva. Il nostro lavoro di volontariato ha delle basi solide e non saranno gli insulti a fermare la nostra lotta.
Purtroppo,dovrete farvene una ragione.
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

sabato 5 marzo 2016

Quello che non Vi dicono: ARGENTO COLLOIDALE meglio di qualunque antibiotico, potrebbe essere efficace anche contro Ebola. Ma non ce lo diranno mai perché non conviene alle lobby farmaceutiche !!!

Argento Colloidale
Quello che non Vi dicono: ARGENTO COLLOIDALE meglio di qualunque antibiotico, potrebbe essere efficace anche contro Ebola. Ma non ce lo diranno mai perché non conviene alle lobby farmaceutiche !!!


Argento Colloidale contro Ebola! Perché non ce lo dicono???
L’attuale crisi del sistema sanitario e la sempre maggiore antibiotico resistenza dei microrganismi riporta in evidenza la necessità di utilizzare le proprietà dei colloidi, specialmente le molteplici possibilità terapeutiche dell’oro e dell’argento colloidale. Un antibiotico elimina circa una dozzina di agenti infettivi, ma oro ed argento colloidale ne distruggono circa 650! Essi non hanno incompatibilità con le altre terapie e non causano disturbi gastrointestinali, ma addirittura aiutano la digestione. Non irritano se instillati negli occhi. Il Centro di controllo per i tossici dell’Agenzia per la protezione dell’Ambiente degli Stati Uniti ha classificato oro ed argento colloidale come: non tossici.
Oro ed argento colloidale agiscono come un catalizzatore e bloccano un enzima di cui i batteri, i funghi ed i virus hanno bisogno per vivere. Gli agenti infettivi non hanno la possibilità di sviluppare dei meccanismi di difesa verso l’oro e l’argento colloidale. Neanche gli agenti infettivi altamente resistenti delle armi biologiche possono sopravvivere a contatto con l’oro e l’argento colloidale. Essi possono essere usati anche per combattere i virus di Ebola e Hanta. Secondo il Dr. Robert O. Becker, noto scienziato dell’Università di Syracuse negli USA ed autore del libro “The body electric”, se si somministrano oro ed argento colloidale, si uccidono tutti i microrganismi patogeni anche se antibiotico-resistenti.
Indicazioni terapeutiche, Disintossicazione dall’amalgama, Le otturazioni con amalgama contengono mercurio tossico che rimane legato all’oro e all’argento. Oro e argento hanno la capacità di neutralizzare il mercurio e di drenarlo dall’organismo.Chi ha mangiato in contenitori di metallo o pesce inquinato da mercurio sicuramente ha una certa quantità di mercurio nell’organismo. Al nostro organismo piace l’oro e l’argento ma non il mercurio.
Trattamento di animali e piante. L’oro e l’argento colloidale vengono utilizzati anche in veterinaria come i parvovirus del coniglio ed in una malattia dei gatti, la leucemia. Oro ed argento colloidale offrono anche qui un’alternativa sicura ai costosi prodotti farmaceutici.
è indicato per malattie cutanee come l’acne, le verruche, le lesioni aperte, l’herpes, la psoriasi, le micosi del piede ed altre. In queste malattie la regione cutanea colpita può essere toccata con una garza imbevuta di oro ed argento colloidale. 


Fonte: http://curiosity2013.altervista.org/non-vi-dicono-argento-colloidale-qualunque-antibiotico-potrebbe-essere-efficace-contro-ebola-non-ce-diranno-mai-perche-non-conviene-alle-lobby-farmaceutiche/

mercoledì 11 novembre 2015

L’eugenetica di Bill Gates


L’eugenetica di Bill Gates

L’eugenetica è quella disciplina che si occuperebbe del miglioramento della razza umana attraverso la manipolazione dei suoi geni o attraverso l’incrocio selettivo delle razze migliori.
Strutturale nel pensiero eugenetico è il razzismo ed evidente è la tendenza a separare nella società i “sani” dagli “insani”, per evitare il moltiplicarsi di geni “deboli”.
Come già anticipato in Collettivismo e vaccinazioni obbligatorie, gli eugenisti non sono un gruppo di personaggi stravaganti, ma un movimento ben rappresentato in istituzioni legate a famiglie benestanti, istituzioni pubbliche, università prestigiose [comprese Harvard, Yale e Princeton tanto per citarne alcune]. Da questa rete il movimento ha ricavato la propria forza per attuare una vera e propria politica eugenetica che si articolava in tre programmi:
1. studio degli alberi genealogici per identificare le famiglie “difettose” che generano persone “inadatte”;
2. “eugenetica negativa”, che prevedeva la segregazione e la sterilizzazione coatta;
3. “eugenetica costruttiva” che doveva favorire la creazione di una master race, una razza dominante, modellata sulle caratteristiche dell’élite americana.
Nel corso di alcuni decenni centinaia di migliaia di “disabili intellettivi” ed “inadatti” subirono procedure di segregazione, sterilizzazione e/o ingiustizie di vario tipo.
William Henry Gates III, meglio noto come Bill Gates, proviene da una tradizione familiare di elitarismo dove la popolazione in generale deve essere controllata, ridotta e addirittura estinta. Questo figlio ha reso orgoglioso il proprio padre, portando avanti il credo della famiglia, ottenendo un coinvolgimento dell’industria dei vaccini. Attraverso i suoi investimenti finanziari con Merck e Monsanto, Gates è ora in grado di rendere il suo desiderio di spopolamento mondiale il più vicino alla realtà.
Bill Gates continua a versare milioni di dollari in progetti ad alto rischio di geoingegneria che pretendono di offrire una soluzione al riscaldamento globale. Tali progetti sono contestati dagli ambientalisti perché rappresentano una minaccia potenzialmente maggiore, capace di scatenare un cambiamento climatico. Nel 2009, la Microsoft ha acquistato un pezzo chiave della tecnologia dalla farmaceutica Merck , il più grande produttore di vaccini.
Questa tecnologia di ricerca dei vaccini “gene-targeting” è descritta come un metodo per
comprendere come i geni interagiscono a vicenda tra loro, analizzare peptidi e metaboliti e determinare come si riferiscono all’espressione del gene“.
In un discorso al vertice mHealth nel novembre 2010, Gates ha affermato a un pubblico di più di 2.000 persone presenti alla conferenza,
circa un terzo [di tale miglioramento] è quello di aumentare il reddito. La maggioranza è garantita attraverso i vaccini. I vaccini saranno la chiave. Se è possibile registrare ogni nascita su un telefono cellulare, ottenere le impronte digitali, trovare una posizione, allora si potrebbe progettare un sistema per assicurarsi che le vaccinazioni favoriscano tutto questo“.
La Fondazione Bill & Melinda Gates ha versato 23 milioni di dollari in azioni alla Monsanto.
Aziende come la Monsanto vengono convogliate attraverso altre aziende come la BlackwaterTotal Intelligence Solutions [intelligence della Monsanto] e Terrorism Research CenterABC News è stata acquistata attraverso una sovvenzione di 1,50 milioni di dollari dalla Fondazione Bill & Melinda Gates per promuovere vaccini, cibo OGM e qualunque cosa vogliono pur di controllare le idee del pubblico.
Grazie a un impegno di 750 milioni di dollari la Fondazione Bill & Melinda Gates, la GAVI, ha lanciato la sua iniziativa per vaccinare milioni di persone in tutto il mondo. Il vaccino mortale Gardasil è la loro arma pregiata a causa del suo alto tasso di mortalità.
La Fondazione Bill & Melinda Gates ha promosso 78 sovvenzioni di 100.000 dollari ciascuna all’ultimo Grand Challenges Explorations.
Le borse di studio includono lo sviluppo di un microscopio cellulare low-cost per diagnosticare la malaria, lo studio del posizionamento strategico di piante insettivore per ridurre le malattie trasmesse dagli insetti e l’indagine di nanoparticelle per rilasciare vaccini quando entrano in contatto con il sudore umano.
Diversi membri del comitato di gestione della Fondazione Bill & Melinda Gates, gruppi dirigenziali, affiliati e principali finanziatori sono attualmente o in precedenza erano membri di commissioni o rami esecutivi dei più importanti e diversi produttori di farmaci, tra cui Merck e Novartis.
Il patrimonio della Foundazione Gates è investito nella Berkshire Hathaway, i cui ricercatori hanno rilevanti partecipazioni in GlaxoSmithKlineSanofi-Aventis,Johnson & Johnson.
La Fondazione Gates possedeva azioni della Merck nel momento in cui si sono sviluppate le partnerships con l’African Comprehensive AIDSMalaria PartnershipMerck Company Foundation per testare i prodotti della Merck su ignari africani.
Gates continua a promuovere i vaccini in modo aggressivo mentre i produttori farmaceutici dei vaccini non parlano degli enormi danni causati alla salute dalle vaccinazioni infantili, tra cui l’autismo e numerose deformità neuro-muscolari che sono riconducibili agli adiuvanti tossici utilizzati nella totalità dei vaccini.
La Fondazione Bill & Melinda Gates finanzia anche un progetto denominato Alliance for a Green Revolution in Africa [AGRA].
MonsantoDuPontDowSyngenta e altri importanti giganti del business agroalimentare OGM figurano al centro del progetto AGRA, al fine di diffondere e brevettare le loro sementi OGM in tutta l’Africa sotto l’etichetta ingannevole della “BIO-TECNOLOGIA”, un eufemismo per “sementi dementi” brevettate geneticamente.
La Fondazione Gates, secondo quanto riferito dal proprio sito, vuole vaccinare l’intera popolazione mondiale nonostante le sempre più evidenti prove mediche che le vaccinazioni sono mortali.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità, uno dei partners GAVI, ha collaborato con la Banca Mondiale e il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione già nel 1970 sotto la Task Force dei Vaccini per la Regolamentazione della Fertilità.
La Task Force “agisce come un organismo mondiale di coordinamento per il vaccino anti-fertilità [AFV] Research & Development”. La GAVI sta finanziando questo progetto a livello mondiale!
Da un tweet del Professor Seth C. Kalichman, dell’Università del Connecticut, attraverso TechNet21
“la Fondazione Gates promuove finanziamenti per organizzare un sistema di allarme, sorveglianza e monitoraggio globale di Internet per trovare, analizzare e contrastare le campagne di comunicazione contenenti le informazioni riguardanti i danni vaccinali allo scopo di sostenere gli sforzi di immunizzazione globale”.
TechNet21 è generosamente supportata dalla Fondazione Bill e Melinda Gates, sotto la supervisione dell’OMS e l’UNICEF.
Questo significa che il programma è in atto. Bill Gates intende fare un’operazione di sorveglianza attraverso la rete Internet e individuare gli accusatori. I suoi servi poi intraprenderanno una campagna di contro-informazione per cercare di neutralizzarli [a buon intenditori poche parole!].
Come funzionerà tale operazione? – Ve lo diciamo noi come funzionerà questa operazione.
Saranno utilizzati pseudo-giornalisti, falsi scientifici, che nulla hanno a che vedere con medici o professionisti del settore. Questi pseudo-giornalisti diffonderanno informazioni pericolose che causeranno innumerevoli danni ai bambini. Saranno diffuse le bugie più estreme, mai raccontate fino ad oggi, in merito alla tecnologia medica. Malgrado le prove dei danni da vaccino, saranno diffuse notizie di stampo medioevale. Questo è solo il lato bello e romanzato della questione!
Il progetto poi prenderà di mira il solito fantomatico medico che si ribella al sistema farmaceutico. Questo fantomatico medico ha abbandonato la sua professione dopo aver ricevuto molteplici denunce dai propri pazienti. Questo fantomatico medico passa tutto il tempo ad attaccare i vaccini con metodi criminali. Non dovrete leggere nulla di questo fantomatico medico, è ovviamente malato di mente e vuole che voi smettiate di vaccinare i vostri figli, così che siano vulnerabili a mortali malattie.
Deve essere chiaro a tutti che l’ultima cosa che vogliono questi personaggi è un dibattito onesto e aperto sulla questione dei danni vaccinali. Questa linea di condotta esporrebbe le case farmaceutiche e i loro servi a notevoli pericoli. La verità causerebbe il crollo dell’intero sistema vaccinale!
Bill Gates sta creando l’atmosfera per avviare una legislazione che renda obbligatorie le vaccinazioni in tutto il mondo, senza alcuna eccezione. Questo è il fine sul quale sta lavorando. Questo è il suo sogno proibito, il desiderio nel cassetto che va a braccetto con il progetto di depopolamento.
La stampa come sempre dovrà essere dalla sua parte. La dimostrazione è quanto avvenuto in India: ondata di polio paralitica post-vaccinale, in Pakistan, inAfrica. Nessuno ha diffuso le notizie di questi casi eclatanti.
Bill Gates intende creare il suo “stato di sorveglianza” in modo molto personale, i cui obiettivi sono vari giornalisti e vari gruppi che hanno trattato e svelato i danni da vaccino.
A sua volta la casta vaccinale vuole occultare la realtà che colpisce i bambini: decessi, paralisi, mutilazioni, disabilità indotta, danni cerebrali, autismo e gravi disfunzioni immunitarie. Quindi la domanda sorge spontanea:

“vorremmo sapere CHI realmente si preoccupa della salute dei bambini?”

E’ estremamente difficile considerare la Fondazione Bill & Melinda Gates come “ente umanitario” proprio a seguito dei progetti che sta finanziando. Questi che elenchiamo sono solo alcuni, di un’ampia lista [in cui la parola “vaccini” è predominante], che hanno ricevuto finanziamenti:
1. LINFONODI SINTETICI – Steven Meshnick e Carla Hand dell’Università del North Carolina svilupperanno un polimero biocompatibile e biodegradabile, da posizionare sottocute, che introdurrà vaccini e antigeni nel sistema immunitario. Il dispositivo attirerà le cellule immunitarie e innescherà la loro proliferazione esattamente come effettuano gli adiuvanti vaccinali nel sito d’iniezione. In caso di successo il dispositivo potrebbe contribuire a rafforzare la risposta immunitaria dei nuovi vaccini e di quelli già esistenti. In sostanza è una tecnologia transumanistica!
2. VACCINAZIONI ATTRAVERSO AEROSOL DI NANOPARTECILLE – I sistemi di somministrazione dei vaccini che colpiscono specifiche aree del corpo avranno la potenzialità di rendersi particolarmente attivi contro alcuni tipi di infezioni. Ad esempio, i vaccini somministrati per via inalatoria avranno la peculiarità di essere maggiormente attivi contro le malattie del sistema respiratorio [es Tubercolosi, Difterite, Pertosse, Polmonite, ecc]. Il Dr. Edwards della Harvard University, Massachusetts, guida un team multidisciplinare di ricercatori che utilizza tecnologie scientifiche combinate alle malattie infettive, alle competenze tossicologiche, a dispositivi di riformulazione dei vaccini utilizzati per le malattie respiratorie sopraelencate per raggiungere il suo obiettivo ultimo: sviluppare una linea colturale di culluleBCG per il vaccino anti-tubercolosi e l’antigene proteina CRM197 da destinare al vaccino anti-difterico sotto forma di nuove nanoparticelle da somministrare per aerosol.
3. PIANTE PER LA PRODUZIONE DI RNA SINTETICO PER I VACCINI – Alison McCormick dalla Touro University della California verificherà la possibilità di attuare una metodologia a basso costo di biologia vegetale per produrre una proteina virale epitopo da combinare con un sistema di antigeni ad espressione RNA da utilizzare in un vaccino RNA per la malaria. Attraverso l’utilizzo di tali impianti a trasfezione virale si potrebbe rendere la produzione dei vaccini RNA molto più conveniente.
4. DISTRIBUZIONE VANTAGGIOSA DI VACCINI NEI MERCATI EMERGENTILisa Ganley-Leal e Pauline Mwinzi della Epsilon Therapeutics, verificheranno l’opportunità di vendita dei vaccini nelle farmacie di mercati emergenti, al fine di garantire profitti sia agli sviluppatori dei vaccini che ai proprietari di piccole imprese. Qualora si dimostrasse una buona produttività si potrà portare le industrie farmaceutiche ad investire maggiori risorse nello sviluppo dei vaccini e nella loro distribuzione, attraverso lo sviluppo di partnerships locali per attuare strategie di redditività.
5. PROGRAMMA DI GENETICA SENSORIALE PER LA DISTRUZIONE DEI PATOGENISaurabh Gupta e Ron Weiss del Massachusetts Institute of Technology hanno proposto di creare cellule sentinella in grado di rilevare un agente patogeno, identificare la sua identità con un impulso biologico, e secernere molecole in grado di distruggerlo. La fase I di questo progetto ha dimostrato che i batteri “commensali” possono essere programmati per rilevare e uccidere specificatamente il modello patogeno Pseudomonas aeruginosa. Nella fase IIGupta e Weiss, svilupperanno un microbiota umano in grado di individuare e distruggere il patogeno intestinale Shigella flexneri.
6. PRODUZIONE DI VACCINI NELLE SALIERE: UN NUOVO METODO A BASSO COSTO – Shiladitya DasSarma guiderà un team dell’Università del Maryland a Baltimora, per sviluppare un vaccino a basso costo, sicuro ed efficace contro la Salmonella utilizzando vescicole batteriche riempite di gas. Il progetto si propone di produrre un vaccino a lunga conservazione, racchiuso nel sale e che non richiede refrigerazione, da essere distribuito in tutto il mondo.
7. UN MODELLO DI TOPO UMANIZZATO PER VALUTARE I CANDIDATI A RICEVERE VACCINI VIVI ATTENUATI – Per sviluppare nuovi vaccini contro le malattie più pericolose in circolazione al mondo, tra cui HIV, malaria e tubercolosi, gli scienziati devono essere in grado di valutare i candidati più promettenti. Alcuni dei potenziali vaccini più promettenti, sono realizzati dalle versioni indebolite dell’agente infettivo vivo. Questi vaccini non possono essere studiati sull’uomo, a meno che non siano precedentemente testati e definiti sicuri. Per questo, il Dr. Flavell e Colleghi stanno lavorando geneticamente sui topi di laboratorio per ottimizzare la similitudine del sistema immunitario del topo a quella dell’essere umano e consentire la sperimentazione dei vaccini sull’uomo nei paesi in via di sviluppo.
8. DISTRIBUZIONE ALTERNATIVA DI PROTEINE DEL LATTE PER USO UMANO – Qiang Chen della Arizona State University propone di ingegnerizzare piante commestibili, come lattuga e riso, per sintetizzare le proteine benefiche che si trovano nel latte materno. I corpi proteici di queste proteine permettono la stabilità, un elevato accumulo di queste proteine nel latte umano, e le piante possono essere assunte direttamente dai lattanti oppure formulate in alimenti per l’infanzia per fornire i nutrienti essenziali e benefici antibatterici.
9. CONTRACCETTIVO FEMMINILE NON-ORMONALE – John Herr della Università della Virginia ricercherà uno specifico enzima metalloproteasi nella membrana dell’ovocita come bersaglio per un contraccettivo femminile non ormonale. Dopo aver determinato la natura catalica dell’enzima, una famiglia di composti peptidomimetici saranno testati per valutare la loro capacità di legarsi all’enzima e bloccare il suo ruolo nella fecondazione dell’ovocita.
10. BACILLI FERMENTATI DA USARE COME VACCINI NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO – Michael Chan della Ohio State Research Foundation svilupperà un ceppo ingegnerizzato di batteri per la fermentazione. Il bacillo ingegnerizzato sarà poi utilizzato per produrre un piatto tradizionale asiatico [natto, tipico piatto giapponese ottenuto tramite la fermentazione dei semi di soia], che potrà essere utilizzato come una sorta di vaccino orale per stimolare una risposta immunitaria. In caso di successo, questa tecnologia potrà essere utilizzata per introdurre una serie di antigeni delle malattie attraverso un’alimentazione culturalmente accettata.
11. CONTRACCEZIONE BASATA SULLE NANOTECNOLOGIE – David Clapham dell’Ospedale Pediatrico di Boston svilupperà e testerà un contraccettivo a nanoparticelle che rilascerà degli inibitori contro gli spermatozooi in variazione del pH vaginale o all’esposizione al liquido seminale. Se tale programma avrà successo, le nanoparticelle saranno incluse in un gel vaginale allo scopo di bloccare la motilità spermatica necessaria alla fecondazione.
12. STRUMENTO DI CIRCONCISIONE PER LE TRADIZIONALI CERIMONIE IN AFRICA – Kathleen Sienko dell’Università del Michigan ha sviluppato il prototipo di uno strumento per la circoncisione da utilizzare durante le tradizionali cerimonie in Africa e cerca di dimostrarne la funzionalità, l’idoneità culturale, e il potenziale livello di produzione a basso costo per una vendita di massa. Secondo Kathleen Sienko, un tale strumento aumenterebbe i tassi di circoncisione contribuendo alla diminuzione dei tassi di trasmissione di HIV nella regione.
13. SCOPERTA DI MOLECOLE CHEMIOSENSORIALI COME NUOVI CONTRACCETTIVI – John Ngai e Scott Laughlin dell’Università di Berkeley in California, cercano di identificare i composti chimici nel sistema riproduttivo femminile che guidano gli spermatozoi all’ovulo. Caratterizzando questi “umori“, le versioni sintetiche possono essere prodotte e gestite per interrompere il sistema di navigazione e inibire la fecondazione.
14. LATTE TRANSGENICO BOVINO CONTENENTE PROTEINE ANTIMICORBICHE UMANE – Hironori Matsushima dell’Università di Toledo testerà l’ipotesi derivante dall’aggiunta di un peptide antimicrobico nel latte in polvere allo scopo di conferire protezione contro le patologie di origine enterica. La ricerca sarà incentrata sulla verifica delle capacità del peptide di uccidere gli agenti patogeni nello stomaco, e sulla sua capacità di mantenere l’integrità durante il processo di pastorizzazione del latte e successiva essicazione.
15. ULTRASUONI A LUNGO TERMINE COME CONTRACCETTIVO REVERSIBILE MASCHILE – Tsuruta e Paul Dayton dell’Università del North Carolinastudieranno la capacità terapeutica degli ultrasuoni per esaurire il numero di spermatozooi. Caratterizzando la temporizzazione e il dosaggio allo standard più vantaggioso, si potrebbe produrre a basso costo un metodo contraccettivo reversibile non-ormonale destinato al pubblico maschile.
La costante di tutti questi progetti finanziati comporta lo sviluppo di brevetti [potenzialmente redditizi] e di tecnologie mai sperimentate fino ad oggi sull’uomo.
Molte delle sovvenzioni erogate sono andate a sostegno della contraccezione, e tutto questo sembra andare nella direzione opposta alla mission del Grand Challenges In Global Health di “migliorare la salute nel mondo in via di sviluppo“, in quanto si concentra sul progetto di “riduzione della popolazione nei paesi sviluppati” piuttosto che sostenere la salute di coloro che hanno bisogno di aiuto.

giovedì 22 ottobre 2015

VACCINI: DITTATURA VACCINI!


DITTATURA VACCINI!!!













di Marcello Pamio


Fonte:

http://www.disinformazione.it/isis_pertosse_vaccini.htm

I servi o “camerieri dei banchieri”[1] hanno deciso. La manovalanza delle lobbies farmaceutiche hanno preso la decisione per tutti noi. A Roma gli assessori alla Sanità delle Regioni italiane hanno deciso all'unanimità di inserire nel nuovo "Piano nazionale di prevenzione vaccinale", la previsione di non ammettere nelle scuole i bambini che non siano in regola con il libretto delle vaccinazioni. Della serie: “Per andare a scuola bisogna essere vaccinati”.

Gongolano le case farmaceutiche perché il piano vaccinale costerà a noi contribuenti la bellezza di 200 milioni di euro, senza parlare del costo incalcolabile che pagheremo in termini di salute…

Tale misura da Stato totalitario è sollecitata, tra l'altro, da una “firmatissima” petizione lanciata sul sito change.org dalla madre di una bimba di Cesena che ha contratto la pertosse.

Tale “firmatissima” petizione - come l’ha etichettata La Repubblica - riguarda circa 20 mila persone, quindi non proprio una petizione a furor di popolo, anche se grazie al terrorismo di Stato e alla vergognosa campagna mediatica di giornali e televisione, molte persone impaurite finiranno per cedere alle pressioni…

Ovviamente non poteva esimersi la neomamma nonché ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin, dal concordare in pieno con l’iniziativa. Un ministro della salute che non è stato eletto da nessuno, che non ha una laurea ma solo la maturità classica, che si fa immortalare mentre va a vaccinare le sue due povere gemelle. Per chi lavora, per il popolo o per le case farmaceutiche? Da chi prende realmente gli ordini?

Quindi oggi, dopo i terroristi dello Stato Islamico, sembra che la pertosse e le vaccinazioni pediatriche siano diventate una priorità nazionale. Un problema sanitario così grave da far impallidire il virus dell’Ebola.

Questo non è dovuto alla ridicola petizione in atto, ma alla morte di un neonato. Quando muore un neonato, a prescindere dalla causa, è sempre una tragedia per tutta la collettività!

Al Sant’Orsola di Bologna una bimba di 28 giorni purtroppo non ce l’ha fatta. “Era troppo piccola per essere vaccinata” ha subito spiegato il primario di neonatologia “ma se cresce la quota di persone non vaccinate cala l’immunità di gregge”.

L'immunità di branco è soltanto un’idea e non un fatto scientifico. Se è vero come dicono che il vaccino funziona, verrebbero protetti coloro che sono stati vaccinati anche se dovessero trovarsi in mezzo ad ammalati. Se così non fosse, a cosa serve il vaccino?

L'immunità di gregge è una fantasia mirata a convincere i medici per poi convincere le persone.

Se di gregge dobbiamo parlare allora intendiamo coloro che pendono dalle labbra degli esperti, che prendono per oro colato, per Verità assolute quello che viene detto a livello ufficiale.

Se i bimbi vaccinati sono coperti dalle malattie infettive grazie ai vaccini, perché dovrebbero preoccuparsi di quelli non vaccinati? Cosa c’entra l’immunità di gregge? Forse i vaccini NON coprono effettivamente dalle malattie? E allora basta dirlo.

Al Sant’Orsola e come in tutti gli altri casi similari, nessuno spiega nel dettaglio quali erano le reali condizioni pregresse della povera bimba. Se aveva complicanze cardiache e/o respiratorie o altre patologie ereditate dai genitori. Non dicono qual era per esempio la condizione psicofisica della mamma; se la bimba era allattata al seno o nutrita con latti chimici e artificiali che intasano di muco i bronchi e gli alveoli polmonari…

Niente di niente. “La bambina è morta di pertosse e la colpa è dei non vaccinati!”

I delinquenti sono quei genitori che decidono in scienza e coscienza di non vaccinare i propri figli, mettendo così a repentaglio la salute di tutti, vaccinati e non.


La logica conseguenza è arrestarli tutti, sospendere loro la patria potestà e inoculare - con tanto di arma dei carabinieri - dei veleni nel corpo dei figli. Semplice, vero?

Questo risolverà tutto. Saranno così debellati tutti i problemi della società: la pertosse, il morbillo, la difterite, la poliomielite, il vaiolo, il tetano, la meningite, l’epatite A e B, l’influenza e per finire anche la libertà individuale di scelta.


E’ questa la cosa più pericolosa per il Sistema e non un batterio o un virus: è la libertà individuale di poter scegliere con la propria coscienza quello che va bene o meno per se stessi e per la propria famiglia.


L’Articolo 32 della Costituzione della Repubblica italiana sancisce che “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.”


Ma sappiamo che la società odierna non rispetta gli esseri umani perché li vuole utenti-consumatori-non-pensanti, possibilmente non sanissimi ma con qualche magagna e acciacco.


Noi da bravi automi privi di cervello, sudditi doc dell’Impero, senza porci domande, senza pensare fino in fondo, senza chiederci se va bene oppure no, se ci sono effetti collaterali, ci mettiamo in fila alle ASL con in braccio il bimbo. Tutti felici e soddisfatti di essere accettati dal Sistema e di non andare contro di esso.


Poco importa se poi il bimbo non sarà realmente immunizzato dalle malattie o peggio ancora, potrà subire un danno. Non è mica colpa nostra! Noi siamo onesti cittadini e bravi genitori e ascoltiamo quello che ci dice e ordina il papà (la legge).


Evviva la coerenza e soprattutto evviva la libertà!


Tornando alla pertosse, i grandi esperti in camice bianco ci stanno dicendo che se cala l’immunità generale per colpa dei genitori obiettori, aumenteranno i contagi.



Un recente studio pubblicato sulla rivista ufficiale Pediatrics conclude dicendo che “la protezione data dal vaccino DTP diminuisce nel giro di 2-4 anni. E’ possibile che la mancanza di una protezione a lungo termine dopo la vaccinazione contribuisca ad aumentare i casi di pertosse tra gli adolescenti.”[2]


Il giornale Clinical Infectious Disease riporta che “la pertosse è attualmente la malattia prevenibile da vaccino meno sotto controllo nonostante una eccellente copertura vaccinale e nonostante le 6 dosi di vaccino raccomandate tra i 2 mesi di età e l’adolescenza”.


La bassa copertura vaccinale quindi NON è il problema. Ma allora qual è il problema?


Il problema è che il vaccino NON previene la trasmissione della malattia!L’ente governativo FDA in un comunicato stampa ha dichiarato che “sebbene gli individui immunizzati con un vaccino antipertossico acellulare possano essere protetti dalla malattia, essi possono comunque infettarsi con il batterio senza necessariamente ammalarsi e sono in grado di diffondere l’infezione ad altri individui, inclusi i neonati” [3]


Avete capito? Gli individui vaccinati possono continuare ad infettare e diffondere l’infezione senza magari ammalarsi.


Lo studio conclude che “quando sei stato da poco vaccinato, sei un portatore asintomatico, cosa che va bene per te ma non per il resto della popolazione.” [4]


Ecco la triste realtà: i veri untori nella nostra società, cioè coloro che stanno trasmettendo l’infezione della pertosse sono proprio i bambini vaccinati contro la pertosse!


Esattamente l’opposto di quello che stanno dicendo i falsi profeti in camice bianco, vuoi per ignoranza, vuoi per malafede, vuoi per interessi economici e/o cattedratici, ecc.


Quindi la logica conclusione dello studio sopra citato è che i genitori che vaccinano un bambino che ha un fratellino magari neonato stanno mettendo a serio rischio proprio il neonato.


Effetti collaterali del vaccinoLa vaccinazione antipertosse viene somministrata insieme a quella antidifterica e antitetanica nel tristemente noto vaccino trivalente DTP (Difterite, Tetano, Pertosse).

Attualmente il DTP è uno dei vaccini più discussi.


Gli effetti collaterali più comuni del vaccino contro la pertosse riconosciuti dall’Associazione Medicina Americana (AMA) sono: febbre, scoppi di pianto, stato di shock e reazioni cutanee locali come gonfiori, arrossamento e dolore. Gli effetti collaterali meno frequenti, ma assai più gravi, comprendono convulsioni e danni cerebrali permanenti che si traducono in ritardi mentali.


Meno frequenti, ma venendo iniettato a milioni di bambini il numero dei danneggiati sale vertiginosamente. E quando colpisce TUO figlio poco importa se è un effetto raro o rarissimo: la tua vita cambia terribilmente.


Il vaccino è stato anche messo in relazione con la SIDS, la Sindrome da morte improvvisa nel’infanzia.[5]


Il grafico rappresenta la mortalità della pertosse e del morbillo dal 1850 al 1970. Non serve una laurea in medicina o in statistica per evincere dalle linee che il tasso di mortalità della pertosse ha iniziato a decrescere spontaneamente dal 1870 circa andando quasi a zero SENZA l’intervento di nessun farmaco o vaccino, ma solo con le migliorate norme igienico-sanitarie.


Un ultimo picco di mortalità si è avuta in concomitanza della Seconda Guerra mondiale, per poi tendere di nuovo a zero. Il vaccino, anche se era disponibile dagli anni ’40, è stato introdotto molto tempo dopo e quando la mortalità era quasi azzerata dal miglioramento generale dello stile di vita: alimentazione, pulizia e igiene.


Quindi NON E' STATO IL VACCINO A RIDURRE LA MORTALITA' DELLA PERTOSSE, come i grandi esperti ci vogliono far credere, ma il miglioramento delle condizioni socio-sanitarie della popolazione.


Cure naturali per la pertosseSecondo il più grande pediatra della storia americana Robert S. Mendelsohn per la pertosse non esiste alcun trattamento specifico medico o casalingo, non esiste una cura riconosciuta. La medicina, come in tantissimi altri ambiti ad essa sconosciuti, prescrive il sempreverde antibiotico, il quale ovviamente non servirà a nulla perché il bambino si farà lo stesso tutto il decorso della malattia esattamente come un bambino a cui non viene dato nulla.


Non a caso vi sono moltissime testimonianze di genitori di neonati NON vaccinati che hanno superato indenni la pertosse senza nessun farmaco.

Normalmente il picco massimo della pertosse ha un durata di circa 30/40 giorni e poi va scemando da sola come tutte le malattie infettive.

Secondo il dottor Mendelsohn l’unica cosa è aiutare il bambino a riposare, consolarlo e dargli tutto l’appoggio amorevole possibile.[6] Il bambino deve sentirsi amato e soprattutto protetto.

Un consiglio per la pertosse secondo la medicina tradizionale è salire in quota almeno fino a 1400 metri di altezza per scendere molto rapidamente senza quasi fermarsi (ovviamente dipende dall’età del piccolo). I piloti militari di Treviso per esempio portavano in quota rapidamente i bimbi per poi andare giù in picchiata e la pertosse passava.


Non si sta dicendo che un genitore deve farsi il brevetto da pilota per poi affittare un piper privato nella speranza di guarire il figlio, quello che conta è il messaggio che sta a monte. La montagna sembra aiutare.


Per qualche mente limitata o prevenuta (e in questo ambito sono assai numerose) potrà sembrare fantascienza, ma non lo è: sono conoscenze tradizionali che avevano i nostri vecchi e che oggi invece stiamo perdendo a causa di una scienza meccanicista e riduzionista.


Oggi infatti la medicina è così freddamente ottusa che non va oltre i libri e i protocolli redatti dalle case farmaceutiche. Il protocollo è santificato e non si mette in discussione, poco importa se è stato codificato da qualche luminare nella busta paga delle lobbies… Questo è un altro problema.

Antonella N. è un’erborista e ha vissuto sulla propria pelle la pertosse.

“Ho avuto la pertosse a 4 anni e mia mamma era anche incinta. Mi hanno fatta salire in funivia con il mio babbo e miracolosamente una volta scesa la pertosse mi era passata. Già allora qualche vecchietta aveva suggerito questo ai miei genitori”.

Il virus della PauraIl bravo suddito non deve farsi e non deve fare domande,ma solo eseguire gli ordini e i dettami che arrivano dall’alto. Il bravo suddito non deve essere libero di scegliere e decidere perché la sua funzione è quella dello schiavo che consuma e vota a comando.

Oggi il controllo mentale avviene attraverso il virus della PAURA.

Un virus che ci iniettano quotidianamente - come una specie di richiamo omeopatizzato - tramite i mezzi di comunicazione di massa: giornali, radio e tv.

Paura dei batteri, paura dei virus, paura che nostro figlio venga contagiato, paura dell’invasione di barbari, paura delle malattie, paura dell’ISIS, paura….paura…. e ancora paura.


La paura blocca e paralizza le coscienze. Non a caso.


Esiste solo un unico e sano rimedio al virus della paura: si chiama conoscenza.


La paura dal punto di vista esoterico è mancanza di conoscenza. L’uomo ha paura e teme quello che non conosce.


Partendo da questo presupposto se iniziamo a conoscere meglio, se riprendiamo possesso del nostro cervello iniziando a pensare di più e fino in fondo, se ci poniamo delle domande cercando poi le risposte, allora la paura svanirà come la nebbia sotto il sole!


Infine per meglio immunizzarsi dal terrorismo e dall’ignoranza galoppanti è obbligatorio stare lontani dal gregge dagli untori legalizzati, cioè dai veri infettanti pubblici: televisione e giornali!


[1] Citazione del poeta Ezra Pound

[2] http://pediatrics.aappublications.org/content/early/2015/04/28/peds.2014-3358.abstract

[3] http://www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm376937.htm

[4] http://www.nytimes.com/2013/11/26/health/study-finds-vaccinated-baboons-can-still-carry-whooping-cough.html

[5] “Bambini sani senza medicinali”, Robert S. Mendelsohn, ed. Red

[6] Idem
loading...

Scelti per voi

Google+ Followers